Italiano English Español Português Française

Giudici penali ordinari (Documento 1)

Il Tribunale per i minorenni (composto da due giudici togati e da due esperti in psicologia, pedagogia e materie analoghe) è competente per i reati commessi dai minori degli anni diciotto. Questa competenza è esclusiva a prescindere dal reato commesso dal minore. In caso di concorso nel reato del minore insieme ad adulti, la competenza per il primo rimane radicata innanzi al Tribunale per i minorenni.

La Corte di Assise (giudice collegiale composto da due giudici di carriera e sei giudici popolari) ha una competenza a giudicare basata su criteri quantitativi e qualitativi ex art. 5 c.p.p.:
a) In base al criterio quantitativo, è competente per i delitti per i quali la legge stabilisce la pena dell’ergastolo o della reclusione non inferiore nel massimo edittale a ventiquattro anni. Sono previste eccezione per i delitti per i delitti di tentato omicidio, di rapina e di estorsione comunque aggravati, per il sequestro di persona a scopo di estorsione e per i delitti previsti dal testo unico sugli stupefacenti n. 309 del 1990.
b) In base al criterio qualitativo >è competente per i delitti consumati di omicidio del consenziente, di istigazione al suicidio e di omicidio preterintenzionale; per ogni delitto doloso se dal fatto è derivata la morte di una o più persone, escluse le seguenti fattispecie: morte o lesione come conseguenza di altro delitto, rissa, omissione di soccorso; delitti di ricostituzione del partito fascista, delitti di genocidio, delitti che concernono la personalità dello Stato, sempre che per tali delitti sia stabilita la pena della reclusione non inferiore a dieci anni.

La competenza per materia del Giudice di Pace è delineata dagli artt. 15 l. n. 468/ 1999 e 4 d.lgs. n. 274/2000. La cognizione di questo magistrato onorario comprende un ristretto numero di delitti previsti dal codice penale e perseguibili a querela: tutte le fattispecie attengono a situazioni di microconflittualità individuale, ritagliate sulle caratteristiche dell’organo giudicante, che è destinato a svolgere una funzione di compositore di controversie individuali, finalità primaria della sua giurisdizione. Il Giudice di Pace è competente a conoscere quei reati procedibili a querela che costituiscono espressione di situazioni di microconflittualità individuale:
- percosse;
- lesioni volontarie procedibili a querela, che consistono nell’aver cagionato una malattia di durata non superiore a venti giorni;
- lesioni colpose, salvo le ipotesi di colpa professionale o di violazione di norme antinfortunistiche, sia stata cagionata una malattia di durata superiore a venti giorni;
- ingiuria;
- diffamazione;
- minaccia semplice;
- danneggiamento semplice.

Tra i reati procedibili d’ufficio>:
- la somministrazione di bevande alcoliche a minori o infermi di mente;
- la determinazione di altri allo stato di ubriachezza;
- gli atti contrari alla pubblica decenza;
- l’inosservanza dell’obbligo di istruzione elementare dei minorenni;
- gli atti contrari alla pubblica decenza;

L’art. 4, comma 3 d. lgs. n.274/2000 esclude la cognizione del giudice di pace e fa rivivere la competenza del tribunale in composizione monocratica, ogni qualvolta i reati suddetti sono aggravati da una delle circostanze ad effetto speciale previste dai decreti legge 15 dicembre 1979, n. 625 (art. 1), 13 maggio 1991, n. 152 ( art. 7), 26 aprile 1993, n. 122 (art. 3), rispettivamente in materia di terrorismo, di mafia e di discriminazione razziale.

Il Tribunale la cui competenza ha carattere residuale, l’art. 6 c.p.p. la riserva per esclusione, a tutti i reati che non appartengono alla competenza della corte di assise e del giudice di pace. La ripartizione degli affari tra giudice monocratico e collegiale attiene alla cognizione non alla competenza. Più specificatamente:
Il Tribunale in composizione collegiale è formato da tre giudici, conosce (criterio quantitativo) i delitti consumati o tentati, per i quali la legge prevede la pena della reclusione superiore nel massimo a dieci anni, ma inferiore a ventiquattro anni, purché non siano di competenza della Corte di Assise (art.33-bis comma 2 c.p.p.) oltre a una serie di fattispecie nominativamente indicate (art. 33-bis comma 1), individuate secondo un criterio qualitativo, quali, per esempio, i reati di:

- associazione per delinquere sia comune, sia di stampo mafioso;
- in materia di aborto;
- usura;
- bancarotta fraudolenta;
- violenza sessuale;
- prostituzione minorile

Le attribuzioni del Tribunale in composizione monocratica, composto da un solo giudice, sono indicate nell’art. 33-ter, secondo il principio della “complementarietà”: in particolare, comprendono i delitti, in materia di stupefacenti e sostanze psicotrope, previsti dall’art. 73 del testo unico approvato con d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, sempre che non siano contestate le aggravanti di cui all’art. 80 del medesimo testo unico, e i reati puniti con pena detentiva fino a dieci anni nel massimo (art. 33-ter comma 2).

Avv. Giuseppina Schettino
Area Riservata Cliente
Il processo amministrativo
Giurisprudenza
Dottrina
Pubblicazioni
Politica degli onorari


Prof. Avv. Antonio Schettino
Avv. Giuseppina Schettino
Avv. Maria Antonietta Schettino
Area Riservata Cliente
Il processo civile
Giurisprudenza
Dottrina
Pubblicazioni
Politica degli onorari


Avv. Edoardo Mobrici
Area Riservata Cliente
Il procedimento penale
Giurisprudenza
Dottrina
Pubblicazioni
Politica degli onorari